13 Giugno 2021
news
percorso: Home > news > News Generiche

Il Grifone s'inchina alle Lady. Il Derby è nostro

25-05-2021 20:22 - News Generiche


SERIE C – Girone A 18 giornata – 23 Maggio 2021
CAMPOMORONE LADY - GENOA 3-0
( 1-0 2-0 )
Reti : 40'(r) e 62' Bargi 80' Nietante
CAMPOMORONE LADY
Denevi Minopoli (1'st Poletto) Casciani Bettalli Cozzani Nietante (c) (87'Tolomeo) Fernandez Fallico Bargi Tortarolo Traverso (84' Trichilo).
A Disp. Brullo Costantini Grasso Cipollone Giunta De BlasioAll. Marco Pampolini
GENOA
Macera Giuliana Rossi (82' Giupponi) Lucafò Abate (c) Spotorno Licco Campora
Parodi Crivelli (80'Pigati) Basso (60'Trasatti).
A Disp. Carpi Perna Favali Marenco Vacchino Migliardo.All. Marco Oneto
Arbitro: M.Moncalvo di Collegno Assistenti: C.Lazzarotti e S.Delfino di Genova.
Note : Tiri in porta 8/3 Tot.Tiri 20/5 Parate 1/2 Angoli 5/0 F.Gioco 1/0 Falli fatti 12/14
Sostituz. 3/3 Ammonizioni 0/0 Espulsioni 0/0 Rec. 0'/3'
Al 78' Denevi para un rigore a Parodi.
Il campo dice CAMPO…LADY !!!
Questo è il verdetto, definitivo per la stagione 2020/21, che sancisce la superiorità di Squadra dimostrata dalle Ragazze di Pampolini capaci di infliggere un “3 su 3” di vittorie di fila, nelle gare “stracittadine” tra Campionato e Coppa, alle rivali rossoblu che, comunque, mantengono una classifica migliore in virtù di un brillantissimo secondo posto pur chiudendo questo interno “trittico genovese” con zero punti, zero gol fatti e sei subiti.
Sfida nella sfida, il confronto fra due “Panchine Pensanti”, due “cervelli”, Oneto e Pampolini veri Mister Top capaci di insegnare “calcio” e farlo rendere attraverso il gioco espresso dalle giocatrici a disposizione del proprio Team. E, ancora una volta, è il Marco orange/biancoblu ad avere la meglio proponendo una formazione studiata nei dettagli in grado non solo di proporre gioco a ritmi elevati ma abile a non rischiare nulla spegnendo sul nascere i tentativi offensivi avversari; non a caso già nella prima frazione di gara, le Lady producono una decina di occasioni favorevoli contro una unica conclusione, più che altro un tiro/cross verso Denevi, degli avanti in rossoblu.
La formazione di casa si presenta con una mediana “anomala” per l'arretramento di Traverso sulla linea di Fernandez Bettalli e Nietante davanti alle tre di difesa Casciani Cozzani Minopoli e una sorta di doppio trequartista, Fallico e Tortarolo, in supporto a bomber Bargi.
Dall'altra parte è evidente lo spirito di rivincita nella compagine col Grifone visto che si schiera con lo stesso preciso “11” della gara di andata, persa di misura, con Licco e Abate baricentri del gioco.
Ma la partita la fa, come detto, interamente il Campo Lady fin dal primo minuto; fischio d'inizio e subito una grande occasione per Tortarolo portata a tu per tu con Macera che si fa trovare pronta a respingerne la conclusione; al 4' Fallico dal limite non centra l'angolo basso per centimetri, un minuto dopo, al termine di una azione manovrata, è Bargi ad esser chiusa in angolo un attimo prima del tiro. Ancora Campo, al 12' Traverso conclude fuori da buona posizione, al 15' Fernandez chiude il triangolo con Tortarolo entra in area e quasi dal fondo cerca il palo opposto con palla fuori di un niente; al 20' Fallico conquista palla dal vertice e gira prontamente ma con mira alta, ancora il “Motore Orange”, un paio di minuti dopo, brucia la difesa e incorna un calibrato cross di Tortarolo ma nuovamente la palla sorvola la traversa. Tocca poi a Bettalli, al 23' provare il tiro al volo ma non inquadra la porta; al 27' Fallico contraccambia per Tortarolo con uno spiovente da calcio fermo ma anche l'inzuccata del 10 passa oltre la trasversale; al 29' Bettalli vede Macera fuori dai pali e cerca di sorprenderla con un lob dalla distanza ma con poca fortuna.
Poco dopo la mezz'ora l'unico pallone verso lo specchio della porta Lady come già descritto in precedenza, poi sempre e solo Campo, possesso, manovre aperte e verticalizzazioni rendono l'area rossoblu spesso affollata, così al 40', sull'ennesima proposta dentro ai sedici metri, palla sul braccio alto di Licco e rigore ineccepibile che Bargi trasforma con freddezza all'angolo basso per l'1 a 0 con il quale si conclude il tempo ma che risulta un po' stretto per la mole di gioco espressa dalla formazione di casa.
Alla ripresa Pampolini, con l'ingresso di Poletto, modifica lo schieramento delle sue Orange tornando ai due cursori esterni avanzati e difesa a 4 ma il copione non si discosta molto da quello già visto anche se, dopo un bel fraseggio Tortarolo-Bargi-Bettalli sparato troppo centrale, l'occasione del pari arriva da un rimpallo, al 57' sui piedi di Crivelli ma la sua conclusione in corsa e contrastata, finisce col passare ben distante dalla porta. Mister Oneto decide di dare maggior vivacità in avanti ed inserisce Trasatti al posto di una Basso letteralmente “offuscata” (come le compagne di reparto) dall'accoppiata super “Cozzani & Casciani”.
Si arriva così al 62' quando, con gli avanti in pressing sul giro palla difensivo, Bargi intercetta, con rapidità entra in area e insacca fuori dalla portata di Macera in uscita.
Il raggiunto 2 a 0 mette un po' più di tranquillità alla formazione di casa che ora sembra rifiatare dalle energie spese e lascia qualche metro alla reazione del Genoa che produce però solo un paio di tiri, da punizione, al 65' dalla distanza e senza difficoltà per Denevi e dal limite cinque minuti dopo ma la battuta di Parodi è largamente fuori misura, nel mezzo una girata dalla sinistra ma con poca forza di un imprendibile Poletto e al 72' una bordata dalla destra di Traverso secca, forte ma centrale.
Il 99 di casa commette poi una leggerezza quando, al 78' in copertura, frana in area su Crivelli, facendo indicare senza esitazioni, all'ottimo Moncalvo, nuovamente il dischetto; va in battuta Parodi con la chance di poter riaprire la gara ma esibisce un troppo lezioso “cucchiaio” che Denevi intuisce e con uno spostamento minimo va al blocco sicuro della sfera.
Le Lady così ripartono per la fase finale dell'incontro e suggellano la loro superba performance poche battute dopo, è l'80' il “metal detector” Fernandez la fa da padrona sulla fascia destra e “sforna” un traversone, l'ennesimo, lungo a tagliar fuori difesa e portiere dove si avventa puntuale Capitan Nietante che insacca con forza, di testa, da pochi passi il 3 a 0 che chiuderà definitivamente i giochi non prima che a Bettalli “M.V.P.” del match, all'88' sia negata la gioia di un gol spettacolare con un destro al volo dai 20 metri che centra in pieno la traversa a portiere battuto.
Al triplice fischio il Genoa è travolto, in una partita che non è mai stata in dubbio, i gol sono 3 ma potevano essere di più, al via la meritata festa delle Lady che sembrano aver finalmente fatto tesoro del Lavoro del Mister percorrendo una strada che ora sembra conosciuta ed acquisita, versatilità tattica, tecniche singole, pressing, possesso palla, aperture sulle fasce, inserimenti, ripartenze alte e basse, ogni palla sembra quella vitale....insomma un Dominio assoluto !
... e il CAMPO dice...PAMPO...LINI !!!






Fonte: Redazione Campo

Realizzazione siti web www.sitoper.it